La Regina Vittoria e Dash

Il film “The Young Victoria” produttore Martin Scorsese, prima uscita nel Regno Unito il 6 Marzo 2009, interpretato da Sarah Ferguson, Emily Blunt e Rupert Friend, ha riacceso l’interesse per la regina Vittoria (1819-1901) la più lunga monarchia della Gran Bretagna.

“The Young Victoria”, come suggerisce il titolo, racconta la storia della regina Vittoria nella sua giovinezza e del suo grande amore per il marito il principe Alberto. Emily Blunt interpreta Victoria, Rupert Friend è il principe Alberto, Miranda Richardson interpreta la duchessa di Kent e Jim Broadbent è il re Guglielmo. Ma c’è anche un’altra grande star in questo film il cui nome potrebbe non apparire nei titoli principali, è Tori, un bel Cavalier tricolore che interpreta il ruolo di Dash, l’amato cane della regina Vittoria.


SCENE DA  “The YoungVictoria”

Rupert Friend (il Principe Alberto), Emily Blunt (la regina Vittoria) e Tori (Dash)


C’è sempre stata una lunga tradizione di amore per i cani all’interno della famiglia reale, sia per la caccia che come animali domestici da compagnia. La regina Vittoria non ha fatto eccezione, nel corso della sua lunga vita ha avuto molti bellissimi cani, ma Dash era particolarmente caro al suo cuore. Le fu regalato nel 1833 quando era adolescente e divennero ben presto inseparabili. Spesso lo vestiva con una giacca rossa e pantaloni blu, e a Natale gli regalò tre pallette di gomma indiana e due pezzetti di pan di zenzero decorato con agrifoglio e candele .


Due dipinti di Sir Edwin Landseer.

Vittoria lo fece ritrarre almeno una mezza dozzina di volte, anche con altri cani, come il levriero Nero e l’enorme mastino Ettore.


Quando Dash morì nel 1840, tre anni dopo essere diventata regina, lo seppellì lei stessa all’Adelaide Cottage nel parco del Castello di Windsor, e scrisse sulla sua lapide: 

Qui giace Dash, lo Spaniel preferito da sua Maestà, la regina Vittoria, per volere della quale è stata eretta questa lapide. Egli morì il 20 dicembre 1840, nel suo nono anno. Nel suo affetto non c’era egoismo, nella sua allegria non c’era malizia, nella sua fedeltà non c’era inganno. Tu che leggi se vuoi essere amato in vita e compianto da morto, segui l’esempio di Dash.

La Regina teneva un diario personale e Dash è spesso menzionato.   Quando conobbe il principe Alberto di Sassonia nel 1836, Dash ha svolto un ruolo molto speciale nell’unione della coppia.  

Al loro primo incontro Vittoria rimase colpita dall’aspetto di Alberto, in particolar modo dalla sua altezza e dai suoi occhi azzurri. E’ stato tuttavia il suo comportamento con Dash che influenzò maggiormente la sua opinione su di lui.

Vittoria scrisse nel suo diario come Alberto ‘giocava e coccolava’ Dash.  Così, con il sigillo di approvazione canina da parte di  Dash, il destino di Alberto è stato segnato. Poco dopo la regina si sposò ed il resto è storia! 

Nel film Dash è interpretato da Tori, una cavalierina il cui nome d’allevamento è Korolevski Alisia. È stata allevata da Hilary Bartlett che aveva grandi aspirazioni riguardo il successo della sua cagnolina.

Ha un adorabile testa e un’ottima corporatura , ma purtroppo era affetta da prognatismo. 

Anche se il prognatismo non ha alcuna incidenza sulla salute di un cane, è considerato come un difetto per un Cavalier nel ring.  Tuttavia, per Tori questo ‘difetto’ è diventato il suo biglietto nel mondo dello spettacolo.  

Mentre passeggiava è stata notata da Gill Raddings di ‘Action Stunt Dogs & Animals’, Gill stava girando un film e, come la vide, subito rimase impressionato da Tori. Hilary, tra mille pensieri ed incertezze, alla fine, a malincuore, decise di vendere Tori a Gill.


Se l’articolo ti è piaciuto, condividilo!



SU DI ME

Ciao, mi chiamo Cristina, farmacista, ma da anni dedico ogni istante del mio tempo libero a studiare questa dolcissima razza.
Ringrazio Francesco Di Pietro, proprietario dell’allevamento Domus Aventina, per aver avuto fiducia in me, per avermi affidato 3 meravigliosi Cavalier King e per i tanti insegnamenti che mi ha dato in questi anni, insegnamenti che sono stati la base sulla quale si è sviluppata la passione per questa razza meravigliosa.


Ti potrebbero interessare

Visualizza tutti gli articoli