ATTENZIONE ai colliri contenenti benzalconio cloruro

collirio al cane

Tossicità dei conservanti tradizionali: il benzalconio cloruro   

  • benzalkonium_chloride
    Formula chimica benzalconio cloruro

    Il benzalconio cloruro (BAK), il conservante più utilizzato in oftalmologia.

    E’ un derivato ammonico quaternario. In soluzione acquosa si dissocia in un complesso cationico cui si deve l’attività, ed in un anione inattivo (Cl-). Il suo impiego in oftalmologia è stato favorito dalla sua inerzia nei confronti dei materiali plastici di cui sono composti molti flaconi di colliri. E’ un detergente cationico: questa proprietà chimico-fisica lo fa rapidamente legare a superfici con carica negativa (proteine, batteri, ecc., ma anche la cornea). La sua elevata attività detergente induce una denaturazione delle proteine con cui viene a contatto e provoca modificazioni enzimatiche irreversibili a carico delle membrane cellulari. Il meccanismo d’azione antibatterico del BAK è quindi legato alla sua capacità di alterare la membrana cellulare modificandone la permeabilità, con perdita di enzimi, coenzimi e conseguente inattivazione del microrganismo.

  • altera il film lacrimale precorneale (riduce significativamente il BUT)
  • è un agente proinfiammatorio (determina un’aumento di alcuni marker

    dell’infiammazione (per es. ICAM-1, HLA-DR, ecc.).
  • è epitelio-tossico (determina cheratite puntata) e ritarda la riepitelizzazione. [La figura, tratta da Review of Ophthalmology – June 2001 mostra i danni dei derivati ammonici quaternari sull’epitelio della cornea
epitelio corneale
Foto di epitelio corneale sano ( 1 ) e epitelio corneale trattato per 7 giorni con un prodotto contenente ammonio quaternario ( 2 )

 

  • riduce il numero di cellule caliciformi nella congiuntiva

 

  • a lungo termine determina una metaplasia squamosa della congiuntiva

 

  • è tossico per lo stroma corneale (non va usato in caso di estese disepitelizzazioni): può indurre sia apoptosi che necrosi (a secondo della quantità somministrata) dei cheratociti

 

  • è estremamente tossico per le strutture intraoculari, pertanto non deve mai essere usato in presenza di aperture (traumatiche o chirurgiche) della camera anteriore.

 

  • può determinare allergie

La concentrazione di BAK consigliata per la conservazione dei prodotti oftalmici è 0.005% (0.05 mg/100 ml), ma si può ritrovare in alcuni colliri, per particolari motivi formulativi, fino allo 0.02% (0.2 mg/100 ml).

fonte: Farmacologia oculare.com


Per evitare i conservanti conviene scegliere colliri in fialette monouso.

Ti potrebbero interessare

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.